Vino Spumante Dosaggio Zero “Il Mattaglio” Metodo Classico S.A.

Tipologia

Vino spumante “Nature”, bianco, secco.

Uvaggio

Chardonnay e Pinot Nero (vinificato in bianco). Uve coltivate nel vigneto collinare di Riccò di Serramazzoni (Modena) a 650 metri di altitudine. Il vigneto ha ottenuto la certificazione biologica nel 2017.

Epoca di vendemmia

Prima settimana di settembre.

Metodo di vinificazione

 E' ottenuto dall'attenta vinificazione delle migliori uve raccolte a  amno in cassette da 15 Kg. I grappoli sono trattati con cura per evitare danneggiamenti durante il trasporto e l'arrivo in cantina. Le uve sono soggette a pressatura soffice e solo il mosto fiore viene fatto fermentare in tini d’acciaio a temperatura controllata. Dopo un’attesa di almeno sei mesi, viene addizionato di lieviti selezionati e imbottigliato. Spumantizzato con il metodo classico. Al termine della rifermentazione, le bottiglie rimangono coricate in affinamento per più di 24 mesi. La lunga maturazione sui lieviti conferisce al vino maggiore struttura e complessità.  Segue poi il dègorgement senza aggiunta di liqueur d’expédition, ma con semplice rabbocco del medesimo vino.

Descrizione

Colore giallo paglierino tenue, brillante e luminoso, con venate sfumature verdognole. Elegante perlage continuo di bollicine molto fini. Note floreali di gradevole intensità all'olfatto con spiccati richiami ai fiori d'acacia. L'attacco in bocca è spontaneamente vivace, sapido e fruttato. Palato fresco e secco con gradevole mineralità e pennellate saline. La chiusura è di gran classe con ottima persistenza. Spumante di piacevolissima "beva".

Grado alcoolico. 12,5% vol.
Servire a 8° C

Formati disponibili

Bottiglia da 750 ml in scatola da 6
Bottiglia da 1500 ml in scatola da 3

AllegatoDimensione
PDF icon vino_spumante_dz_italiano_v_2013.pdf306.5 KB
Share Share

News Correlate

05/10/2017
Vi aspettiamo il 21 e 22 ottobre a Malborghetto (Udine) per la 19^ edizione di Ein Prosit nella splendida cornice del Palazzo Veneziano. https...
26/09/2016
Fonte: La Voce di Romagna | di Giovanni Solaroli